BIO

Suania Acampa classe ’91, laureata cum laude in Comunicazione Pubblica Sociale e Politica alla Federico II di Napoli con una tesi empirica in Metodi per l’Analisi della Comunicazione. Laureata nel 2013 in Lettere Moderne nella stessa Università con una tesi in Filologia Dantesca.

Suania AcampaStudia Danza Classica dal 1995, nel 1999 – all’età di 8 anni – è Prima Classificata al concorso Miss Baby Future con una coreografia preparata da se’.  Nel 2006 è Prima Classificata all’International Dance Festival di Porto Rotondo con la variazione “Regina delle Driadi” (Don Quishotte) curata da Danila Antoniciello. Nella stessa occasione Lucia Geppi le consegna una borsa di studio per il Balletto di Toscana.  Nel 2009 debutta al Teatro Verdi di Salerno con l’opera AIDA di Giuseppe Verdi, nelle coreografie di Luc Boui, regia di Franco Zeffirelli direttore d’orchestra Daniel Oren.

Allieva di Lino e Alessandra Vacca, studia con il Maître de Ballet, Ricardo Nuñez, e si diploma in Danza Accademica interpretando Kitri nel “Gran Pas De Deux” del Don Chisciotte (atto III).   Nel 2012 vince il primo premio del concorso regionale “Poietiké Danza”  interpretando la variazione di Kitri (atto III), nell’occasione le viene consegnata una borsa di studio per il “Festival della Danza di Maiori”.  Nel 2013 studia metodo Russo Vaganova partecipando ai corsi di formazione di Marit Bech, certificata dall’Accademia dei Popoli del Mondo affiliato Unesco – Mosca.

Suania AcampaNel 2009 pubblica il libro Ho Scelto Te, (Graus Editore) scritto all’età di 15 anni, con il quale vince, nel 2010, la XIII edizione del Premio Letterario Emily Dickinson. Il libro diventa protagonista del progetto: Urla, voci, musica dei giovani per Napoli dell’Istituto IPIA di Miano (Na). Sul libro Ho Scelto Te ha lavorato ad una sceneggiatura l’attore e regista Duccio Giordano. Nel 2014 pubblica in formato e.book il racconto Le Intermittenze del Cuore disponibile in tutti i principali e.book store: da Feltrinelli ad Amazon. 

Dal 2009 lavora come freelance per diverse testate giornalistiche 

Nsb - NaplestreetballetNel 2014 immagina NSB-Naplestreetballet, che nello stesso anno rende realtà grazie alla collaborazione con il videomaker Simone Puziello e il fotografo Mario Iovinella.  Nato dall’unione delle passioni di tre creativi, NSB-Naples Street Ballet non è la tipica espressione fotografica attraverso cui la danza accademica viene mostrata, ma si pone come aggregazione di due culture apparentemente in antitesi tra loro: la street art e il balletto.  Il progetto è un insieme di ritmi, musica, corpi aggraziati e forti perfettamente miscelati tra loro che danno origine ad un’ atmosfera unica nella città più street d’Italia: Napoli, che è anche la scenografia ideale per tutte le ballerine coinvolte.  NSB – Naples Street Ballet non mira solo ad essere un prodotto artistico d’eccezione ma vuole porsi come appello alle istituzioni napoletane a non sottovalutare la professione del danzatore che è fatta di studio costante e serio, di fatica, di impegno e di forza di volontà. E’ un’arte che interessa sempre più giovani ma che è sempre meno tutelata. 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...